Calciatori Ignoranti logo

ll calciatore ha firmato un contratto che lo lega alla società giallorossa fino al 30 giugno 2025. Le prime parole dopo l'ufficialità: "La determinazione e la rapidità con cui la Roma ha dimostrato di volermi hanno fatto la differenza. Arrivo in una squadra in crescita, con una società solida. Non vedo l’ora di salutare i tifosi con questa maglia addosso". Tiago Pinto: "La decisione di Paulo di unirsi al nostro progetto è una testimonianza della credibilità del club"


Nella notte tra domenica e lunedì, Dybala ha dato l’ok definitivo alla Roma. Paulo è partito lunedì mattina per il Portogallo da Torino alle 9.00 con un volo privato. Con lui in aereo i Friedkin, il general manager Tiago Pinto e i procuratori. Sono tutti atterrati poco dopo le 11.30, l'argentino si è poi recato a fare le visite in una clinica privata di Albufeira. Tappa successiva, il resort romanista per la firma del contratto. Niente maglia numero 10, ha scelto la 21 che indossò nella prima parte di esperienza alla Juventus. Il ragazzo, che ieri ha vissuto la sua prima giornata in giallorosso, ha definito gli ultimi dettagli contrattuali e poi si è recato all'Estadio do Algarve per assistere in tribuna al secondo tempo dell'amichevole Sporting Lisbona-Roma. Alle 12 di oggi il club ha pubblicato lo sguardo dell'argentino, con il suo volto oscurato in una foto social in cui spiccavano i due occhi blu, sul proprio account ufficiale Twitter, con una clessidra. L'ufficialità è arrivata mezz'ora dopo: "BENVENUTO Paulo Dybala! Il club è felice di confermare l'acquisto dell'attaccante di fama mondiale. Dybala, 28 anni, ha siglato un contratto di tre anni con la Roma, che durerà fino al 30 giugno 2025".

Le prime parole di Dybala ai canali ufficiali giallorossi

“I giorni che mi hanno portato a questa firma sono stati un insieme di tante emozioni: la determinazione e la rapidità con cui la Roma ha dimostrato di volermi hanno fatto la differenza”, ha dichiarato Dybala. “Arrivo in una squadra in crescita, con una società che continua a mettere basi sempre più solide per il futuro e un allenatore, José Mourinho, con cui è un privilegio poter lavorare. Da avversario ho ammirato l’atmosfera che creano i tifosi giallorossi, non vedo l’ora di poterli salutare con la maglia della Roma addosso”.

La soddisfazione di Tiago Pinto dopo l'ufficialità

“L’adesione di Dybala al nostro progetto testimonia la credibilità del Club e la bontà del lavoro che tutti insieme stiamo portando avanti”, ha commentato il general manager Tiago Pinto. “Paulo è un calciatore di statura mondiale, ha vinto titoli e ottenuto riconoscimenti internazionali: porterà alla Roma la sua classe e sono certo che con lui saremo più forti e più competitivi”.

Il giocatore appena sbarcato lunedì in terra lusitana

“Sono molto felice”, aveva dichiarato il giocatore appena sbarcato sul suolo portoghese lunedì. Ora la Joya si mette a completa disposizione di José Mourinho che per averlo si è esposto moltissimo. Dybala sarà il suo pupillo e la squadra ruoterà attorno all'argentino, al suo talento e alla sua qualità. Ovviamente bisognerà molto lavorare sulla preparazione fisica, considerando ormai meno di un mese allo start del nuovo campionato.

I Friedkin hanno voluto fortemente la Joya

Un ruolo determinante nella svolta della trattativa che ha portato Dybala alla Roma l’hanno avuto Dan e Ryan Friedkin che domenica, nel corso di una lunga call, hanno convinto il giocatore della centralità che avrà nel nuovo progetto giallorosso. Paulo ha accettato il triennale che gli è stato proposto dal club capitolino: fra parte fissa e bonus si arriverà a 6 milioni di euro l'anno. Come rivela la Gazzetta, sul contratto è stata inclusa una clausola di uscita da 20 milioni di euro.

La telefonata chiave di Mourinho

Nei giorni scorsi si era mosso direttamente Mou che, prima di guidare la Roma nella sua terza amichevole stagionale, aveva chiamato (e non per la prima volta) l'ex numero dieci della Juventus per confermargli stima e voglia di averlo presto a sua disposizione, manifestandogli tutta la volontà di renderlo l'elemento leader nella rosa romanista. Una chiamata dopo l'altra, in pieno stile dello Special One, hanno aiutato a favorire la fumata bianca.

Il passo indietro dell'Inter e il movimento lento del Napoli

Era ormai chiaro il passo indietro dei nerazzurri che, con l'ingaggio di Lukaku e la conferma di Dzeko e Correa insieme a Lautaro Martinez, non avevano più spazio nel pacchetto offensivo, considerando che anche Sanchez al momento rimane ad Appiano Gentile, in attesa. D'altro canto il Napoli ha fatto pure la sua parte, lanciando segnali di apprezzamento e senza muovere passi concreti. Troppo lento De Laurentiis e forse nemmeno troppo convinto di affondare il colpo. E così la Roma ha preparato l'all-in sulla Joya.

L'attaccante giallorosso potrebbe essere un innesto di spessore per mister Gian Piero Gasperini. Nella maxi operazione tra le due società anche Muriel, Pasalic e Carles Perez


Le strade di Stephan El Shaarawy e della Roma potrebbero dividersi. Come riporta Tuttosport, l'ex Monaco, Milan, Padova e Genoa può rientrare in una maxi operazione fra i giallorossi e l'Atalanta.

I nomi in ballo sull'asse Roma-Bergamo

Alla base ci sarebbe il passaggio del colombiano Luis Muriel nella Capitale. A Trigoria, si legge sul quotidiano torinese, nella stessa operazione potrebbe arrivare anche Mario Pasalic, col percorso inverso che sarebbe fatto dall'attaccante nato a Savona e da Carles Perez.

El Sha alla Dea pista non nuovissima

El Shaarawy, già nel corso dell'esperienza cinese con lo Shanghai Shenhua, era stato accostato alla Dea. A fine 2020 il ragazzo avrebbe valutato l'ipotesi bergamasca in proiezione di una possibile convocazione con la Nazionale per partecipare all’Europeo. Ora mister Gian Piero Gasperini potrebbe accoglierlo a braccia aperte.

Il ritorno a Trigoria del centrocampista è al momento bloccato, come testimoniato dalle parole del dg Giovanni Carnevali. Anche se mister Dionisi...


Davide Frattesi sembra più lontano dalla Roma. Come riporta Il Messaggero la trattativa sembrava verso la definizione, ma si è arenata perché dall'Emilia continuano a chiedere 32 milioni - 22,5, considerando che il 30% del cartellino appartiene proprio ai giallorossi. Il club capitolino è fermo a 15 milioni più Volpato, valutato 3-4 milioni, e da parte dei neroverdi non c'è nessuna voglia di abbassare le pretese.

Le parole di Alessio Dionisi

"Scamacca fa parte della rosa – ha raccontato nelle scorse ore il tecnico del Sassuolo -, sappiamo tutti che potrebbe uscire. Per lui e Frattesi sappiamo che qualcosa potrebbe cambiare a breve termine, o anche no".

La puntualizzazione di Carnevali

"Se sono ancora tutti qui – ha aggiunto il direttore generale Giovanni Carnevali riferendosi a Berardi, Frattesi, Raspadori e Scamacca – è perché non abbiamo necessità di vendere a tutti i costi: con la proprietà forte che abbiamo se c’è un modo di poter cullare l’idea di tenerli è proprio quello di valorizzarli al massimo".

L'esperto centrocampista olandese del PSG, che ha vinto la Champions col Liverpool nel 2019, entra di nuovo nel taccuino della società giallorossa


La Roma è alla ricerca di profili importanti per rimpolpare la rosa di José Mourinho. Come riporta Pagine Romaniste, dalla Francia arriva la notizia di un giocatore già accostato ai giallorossi negli anni scorsi: Georginio Wijnaldum del PSG. 

I parigini devono venderlo

Secondo un tweet del giornalista Saber Desfarges, il centrocampista olandese è stato offerto alla dirigenza romanista. Il Paris Saint-Germain vuole cederlo presto per fare cassa, visti i tanti esuberi da piazzare. Il 31enne ha preso atto della volontà dei parigini di separarsi da lui, non rifiuterà la cessione e sta studiando tutte le offerte sul tavolo.

Georginio Wijnaldum, carriera e numeri della passata stagione

Alto 175 cm, fa di dinamicità, duttilità ed esperienza i suoi punti di forza. La scorsa estate ha firmato un contratto fino al 2024 coi parigini, dopo 5 anni di Liverpool. A Parigi ha giocato 38 partite, segnando 3 gol e fornendo 3 assist tra campionato, Champions League, Coppa di Francia e Trophée des Champions. In carriera ha vinto 9 titoli tra Feyenoord, PSV Eindhoven, Liverpool e PSG. Nel 2015 è stato eletto calciatore dell'anno in Olanda.

Il centrocampista colchonero è finito nella lista di Pinto per regalare a Mourinho un centrocampista di qualità e sostanza, oltre che un profilo internazionale.


La Roma vuole rinforzare la rosa con un altro innesto di valore in mezzo al campo. Come riporta TMW, nel mirino c’è Saul Niguez, centrocampista dell’Atletico Madrid. Contatti tra le parti in corso e placet di José Mourinho. I giallorossi sperano di portare all'ombra del Colosseo il classe '94, reduce dall'esperienza in prestito al Chelsea e ora tornato agli ordini di mister Diego Simeone.

Saul Niguez, numeri e caratteristiche

Alto 184 cm, fa della tecnica il suo punto di forza. Un mancino di qualità che il general manager Tiago Pinto potrebbe regalare alla piazza romanista. Era passato dai colchoneros ai blues l'1 settembre 2021, dopo tre partite giocate nella Liga. In Inghilterra ha giocato 23 gare, realizzando un gol in FA Cup contro il Luton Town. In carriera ha vinto 9 titoli tra club e nazionale. All'Europeo Under 21 del 2017 in Polonia è stato Scarpa d'Oro del torneo con 5 reti.

Le parole del giocatore appena tornato a Madrid

Dopo i nove mesi in Premier League, Saul è tornato a parlare ai canali ufficiali dell'Atletico Madrid: "Sinceramente mi sento molto bene, non vedo l'ora di ripartire. Voglio rivedere i miei compagni di squadra e tornare a lavorare. Non ho giocato quanto volevo, però al Chelsea ho vissuto una bella esperienza". Intanto la Roma vigila.

I giallorossi continuano lo scouting per rinforzare la rosa di José Mourinho. Piacciono diversi elementi della squadra nerazzurra, l'ultimo nome caldo sembra essere quello di Luis Muriel.

Luglio caldissimo sul fronte delle idee di calciomercato in casa Roma. La società giallorossa avrebbe messo nel mirino anche Luis Muriel dell'Atalanta. Come riporta La Gazzetta dello Sport, si è ancora a livello di idee in movimento, ma i contatti sono stati avviati e si è aggiunto un nome 'caldo' a quelli già messi sul piatto negli ultimi giorni: quello di Luis Muriel. Che potrebbe diventare un giocatore di Mourinho assieme a Mario Pasalic, ma anche al suo posto, e ad Aleksej Miranchuk, in uscita dalla Dea.

Chi a Bergamo dalla Capitale?

Nel valutare una possibile contropartita tecnica (conditio sine qua non per le possibilità economiche della Roma) per Muriel e/o Pasalic - spiega la Rosea - sono entrati in ballo i nomi di Stephan El Shaarawy, che Gasperini conosce bene per averlo fatto esordire in A a 16 anni, e Carles Perez: due esterni che con Mourinho faticano a trovare spazio.

Gasperini: "Atalanta squadra molto dinamica sul mercato"

Intanto l'allenatore dell'Atalanta, Gian Piero Gasperini, dopo l'amichevole vinta oggi 10-0 contro la squadra delle Valli Bergamasche, ha annunciato che Ilicic, Lammers e proprio Miranchuk sono ufficialmente sul mercato.

Buona la prima amichevole in Portogallo per la Roma di José Mourinho, apparso con capelli rasatissimi. I giallorossi, dopo la vittoria col Trastevere, superano 2-0 il Sunderland, club della seconda divisione del calcio inglese allenato dallo scozzese Alex Neil. All'Estadio Municipal de Albufeira, nel cuore dell'Algarve, decidono le reti di Afena-Gyan al 75esimo e Nicolò Zaniolo al minuto 80. Entrambi i marcatori sono entrati a inizio secondo tempo.

Da sottolineare la bella prestazione dell'italiano, sempre al centro di tante voci di mercato, che è parso intendersi alla grande con l'attaccante ghanese. La prossima amichevole della Roma è in programma sabato 16 luglio alle ore 20 contro il Portimonense, squadra della Serie A portoghese.

La Roma ha messo gli occhi su Mario Pasalic dell'Atalanta. Lo riferisce La Gazzetta dello Sport. Il club bergamasco valuta il centrocampista croato circa 18 milioni. Due anni fa la Dea investì 15 milioni per riscattare il 27enne ex Milan dal Chelsea. Nella passata stagione Pasalic è stato il miglior marcatore atalantino, con 13 gol segnati in campionato.

Secondo la Rosea nella trattativa tra le due squadre potrebbe entrare Stephan El Shaarawy, nome che piace molto a mister Gasperini. Le società, spiega il quotidiano, hanno parlato anche di Miranchuk e Carles Perez, ma per ora nulla di concreto. Solo una chiacchierata.

Se ne parlava da tempo, ma ora è ufficiale. Gianluca Mancini ha rinnovato il contratto con la Roma fino al 30 giugno 2027. Un attestato di stima importante della società giallorossa nei confronti del difensore.

“Pensare di aver costruito mattone dopo mattone un legame così forte con il Club, la Città e i tifosi rappresenta una soddisfazione immensa - ha dichiarato Mancini al sito ufficiale del club -. Al pari del successo in Conference League, vivo questo rinnovo come un nuovo punto di partenza: crescere e migliorarci, tutti insieme, è l’unico obiettivo che ho in testa”.

“Gianluca si è ritagliato negli anni un ruolo importante dentro e fuori dal campo - ha commentato il general manager Tiago Pinto -. Lo ha fatto grazie alla cultura del sacrificio, alla volontà di sottrarsi agli alibi e alla sua capacità di essere leader: sappiamo che è un lottatore e dai suoi atteggiamenti vogliamo ripartire per consolidare la nostra crescita”.

Fabio Capello, ex allenatore della Roma e oggi opinionista Sky, ha rilasciato un'intervista a La Gazzetta dello Sport in cui ha parlato anche di Paulo Dybala, sogno di mercato di tante squadre.

Ecco le parole del tecnico campione d'Italia coi giallorossi nel 2001: "Dybala non si discute: se sano, è un fuoriclasse che fa la differenza. Però gioca poco. La sua fortuna è che sono infortuni muscolari: non solo si può lavorare per curarli, ma anche per prevenirli. Ho una domanda: perché la Juve l’ha lasciato andare? Forse certe richieste di ingaggio non andavano fatte. Lo vedrei bene alla Roma per Zaniolo, libero sul centrodestra".

cross