Calciatori Ignoranti logo

La Juventus rischia tutto e non a caso ripensa a Marotta

7 Dicembre 2022   Redazione

Il club bianconero, che sta andando incontro a una rivoluzione totale in dirigenza, deve fronteggiare le accuse e affrontare le inchieste in corso che potrebbero mettere a repentaglio la Serie A e i tornei internazionali. Nel frattempo spunta l'ipotesi del ritorno a Torino del miglior dirigente sportivo italiano.


Quando si parla di Giuseppe Marotta, state sicuri che per diplomazia, competenza, conoscenza, lungimiranza, esperienza e peso "politico", non esiste una roba più grande nel calcio italiano e forse anche oltre. Ciò che tocca, Marotta, la trasforma in oro. Sbaglia poco, non le becca molto raramente. E' uno di quelli che, molto prima di altri, riesce a leggere meravigliosamente le situazioni. Dove si sta andando? E' così che si è giunti al capolinea con la Juventus. Dopo 8 anni, 14 titoli e parecchie lussuose operazioni che portano i nomi di Pirlo, Tevez, Pogba, Higuain e Ronaldo, per il quale il dirigente varesino si era fortemente opposto, salvo accettare la decisione dell'ex presidente Agnelli, spinto dai sogni di Paratici.

La rivoluzione dirigenziale della Juventus e le voci sul ritorno di Marotta

La Juventus sta andando incontro a una rifondazione totale a livello di dirigenza. Dopo le nomine di Gianluca Ferrero come nuovo presidente e Maurizio Scanavino in qualità di neo direttore generale, come rivelato dal Corriere dello Sport, entro natale il mondo bianconero conoscerà la lista del nuovo Consiglio di Amministrazione. E come ha riportato Repubblica, non è finita qui: seppur non ci siano state chiamate dirette a Beppe Marotta, l'attale ceo dell'Inter (con la quale esiste un contratto a scadenza 2025) potrebbe fermarsi a ragionare su un potenziale ritorno alla Juventus.

Si riformerebbe la coppia con Allegri che Marotta provò a portare all'Inter

La ragione per la quale, in caso di affondo bianconero, Marotta rimuginerebbe sul salto nel passato è, prima di ogni altra, la presenza di Massimiliano Allegri. E' ancora viva la mossa dell'ad interista verso Max per portarlo a Milano, prima che quest'ultimo scegliesse di fare nuova rotta verso Torino e i nerazzurri virassero invece su Simone Inzaghi. Insomma, la stima tra i due è elevatissima. La domanda è: può la Juventus ragionare sul futuro in mezzo alla Carta Ronaldo, le inchieste in essere sui bilanci, i presunti debiti nei confronti di Dybala, la potenziale offensiva da parte della UEFA e il rischio esclusione dalla Serie A e dalle competizioni europee? Difficile, ma non è un caso che il nome di Marotta sia tornato fortissimamente ad aleggiare alla Continassa.

Articoli correlati 

cross