Calciatori Ignoranti logo

Inzaghi presenta la nuova Inter: "L'obiettivo è vincere. Per ora Skriniar è con noi"

5 Luglio 2022   Riccardo Amato

Simone Inzaghi ha presentato la nuova stagione dell'Inter. Le sue parole in conferenza stampa.

STAGIONE MONDIALE - "Sarà una stagione particolare perché avremo 20 partite in 3 mesi, poi il campionato si fermerà 50 giorni. E' una novità per tutti, faremo un richiamo di preparazione".

LUKAKU - "Si è instaurato un ottimo rapporto col calciatore che è durato poco l'anno scorso. La società mi ha messo al corrente di questa possibilità, per me è stato un grandissimo colpo. Ma non dimentichiamo che il nostro attacco è stato il migliore in Serie A. Lukaku ci porterà tantissimi gol e soluzioni, ma non dimentico ciò che hanno fatto gli altri attaccanti. Abbiamo vinto due trofei, poi c'è il rammarico di non aver vinto lo scudetto. Ripartiamo con voglia ed entusiasmo speriamo sia la volta buona".

OBIETTIVI - "Vincere, perché l'anno scorso sappiamo cosa è successo col mercato. Abbiamo messo al sicuro la società, noi come staff ci siam rimboccati le maniche e poi è stato facile dire per tutti che l'Inter fosse favorita al contrario dell'estate. Quest'anno partiamo dietro il Milan, campione d'Italia, noi lotteremo con le altre 5-6 squadre. Vogliamo competere, non ci nascondiamo".

SKRINIAR - "Sono in una botte di ferro perché sapete tutti che dirigenti abbiamo e ciò che sono riusciti a fare in questo anno e mezzo da quando sono qui. Skriniar è dell'Inter, è un giocatore che ha fatto un campionato straordinario. Verrà in ritiro, poi non so cosa succederà. L'anno scorso parlavamo di Romelu... Con la società lavoro comunque sempre a stretto contatto".

ONANA vs HANDANOVIC - "Partirà Handanovic come titolare perché se lo è meritato per la stagione scorsa che è stata ottima. Conosciamo il valore di Onana, il portiere del futuro dell'Inter che quest'anno avrà le occasioni per mettersi in mostra: ci abbiamo puntato già un anno fa. Il titolare è Handanovic ma Onana è il futuro e dovrà dimostrare il proprio valore".

DYBALA - "Lo conosciamo tutti, inutle stare qui a parlare del giocatore che ha grandissima qualità. Noi abbiamo sei attaccanti in rosa, i 4 citati e Pinamonti che ha fatto una grandissima stagione più Sanchez. Non è corretto parlare di giocatori che non sono sotto contratto con noi".

MODULO - "Possiamo cambiare con i nuovi interpreti. Lo abbiamo visto anche in Coppa Italia: cambiando abbiamo alzato un trofeo. La società ha preso dei giovani importanti come Bellanova e Asllani che ci aiuteranno. Mkhitaryan ha vinto tantissimo e mi è sempre piaciuto. Cresceremo come squadra".

SUI RUOLI E SUI GIOVANI - "Siamo più completi. Dobbiamo rimpiazzare Ranocchia. Ci servono giocatori doppi nei ruoli, impiegabili sempre, giocando tanto da qui a novembre. Vorrei aggregare tre Primavera con noi. Avremo Carboni, su Casadei puntiamo molto. L'anno scorso ha esordito Zanotti...è difficile esordire nell'Inter ma se i ragazzi lo meritano avranno la loro occasione. Il club lavora molto bene".

ANCORA LUKAKU - "Può aiutarci a giocare in modi diversi, avremo più soluzioni".

ASLLANI - "Giocatore giovane ma che sembra più avanti rispetto all'età anagrafica. Davanti a lui c'è Brozovic e sa che dovrà rubare i segreti dei grandi. L'abbiamo seguito per un anno intero, ci crediamo molto".

SULLA PASSATA STAGIONE - "Siamo molto orgogliosi di quello che è stato fatto. Quando vinci cerchi di migliorarti ancora".

ALZARE L'ASTICELLA - "La pressione ce l'abbiamo sempre. Ho grandi responsabilità ma queste mi fanno rendere ancora meglio. Conosciamo il nostro percorso, ciò che abbiamo fatto coi giocatori. Vediamo cosa succederà ma siamo coscienti che stiamo lavorando bene e continueremo così".

ANCORA OBIETTIVI - "L'anno scorso qualcuno non metteva l'Inter nemmeno tra le prime quattro a inizio stagione. Forse faceva comodo così".

SULLA SQUADRA - "A me piace che le mie squadre segnino, così come è successo con Immobile alla Lazio speriamo che Lukaku o un compagno possano vincere la Scarpa d'oro".

PINAMONTI - "Per ora è con noi. Se terremo una quinta punta dovrà essere un giovane".

BREMER - "Non mi va di parlare di giocatori di altre squadre. Ne parleremo, come per Dybala, se arriveranno".

DZEKO - "Abbiamo parlato della Nazionale. È stato molto importante per noi, ha fatto 20 gol e sarà ancora un valore aggiunto per noi".

Articoli correlati 

cross